02.09.17 Corradini batte Marchetti nella BOT, vittoria di Tedioli nella Gentlemen. Pole position di Fastre – Le Bihan nella Endurance

Imola, 02 settembre 2017 – Seconda giornata all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari del Meeting di Moto d’Epoca, organizzato dalla Federazione Motociclistica Italiana. In pista tutte le classi per il turno decisivo di qualifiche, con Battle of the Twins e Gentleman Cup – Vintage Guzzi che hanno anche disputato la loro gara del weekend. Vittoria nella BOT di Carlo Corradini (Bimota) davanti a Dario Marchetti (Pierobon X80R), al termine di uno spettacolare duello, terzo gradino del podio per Luigi Tondo (Black 1200); successo di Tedioli (Ducati), secondo Molinari (Bimota), terzo Paparo nella Gentlemen.

Riflettori punti sulla classe Endurance, divisa nelle categorie, Giallo, Rosso e Blu in prova, che domani sarà impegnata su una distanza di gara di quattro ore, con partenza stile Le Mans. Da segnalare che ad Imola è presente Grant Dalton, CEO di Emirates New Zealand, barca vincitrice quest’anno della America’s Cup, grande appassionato di corse motociclistiche d’epoca. La pole position l’ha conquistata il team Force di Fastre e Le Bihan (Suzuki) con il tempo di 2’06”171. Ottima seconda posizione per i fratelli Vittoriano e Gianfranco Guareschi (Moto Guzzi), che hanno accusato un distacco di poco meno di sette decimi. Terza posizione per il team Alf composto da Godfrey – Edwards – Barton (P&M) autori di 2’07”406.

Anche in questa seconda sessione Ermanno Bastianini (Kawasaki) si è dimostrato il più forte nel Gruppo 5T, dove scendono in pista TT500, 750, Open e SS 600. Netto il suo vantaggio cronometrico grazie al 2’07”878 fatto segnare, ben 1”395 più veloce rispetto a Andrea Calenzo (Honda), che scatterà al suo fianco. Distacchi abissali per gli altri: Sauro Valentini (Honda), terzo, è a 4”279, Oreste Zaccarelli (Suzuki), che apre la seconda fila, ha chiuso a 5”026.

Rocco Tedesco (Aprilia GP 250) ha conquistato la pole position nel Gruppo 5R, nonostante non sia riuscito a migliorarsi rispetto alla prima sessione. In prima fila anche Alberto Peruzzi (Honda GP 250), anche lui con il tempo di venerdì, e  Colin Sleigh (Yamaha GP 250).

Per soli 43 millesimi nella Old Open Cup Diego Lucio Pilia (Suzuki) è riuscito a conservare il miglior tempo nei confronti di Diego Sciarrillo (Suzuki), nettamente il più veloce in questo secondo turno di qualifiche. Questi due piloti sono i favoriti della gara ma attenzione a Mauro Poloni (Suzuki) che può avere il ritmo per tenere il passo dei primi due.

Nel Trofeo Italia Naked – Gruppo 5 S si annuncia un bel duello tra Andrea Poggi, autore della pole, e Gianluca Fontanelli, che hanno fatto il vuoto alle loro spalle. In prima fila anche Giampiero Scopetani, con Marcello Tamburini, quarto crono, pronto a giocarsi il terzo gradino del podio.

Domenica 3 settembre appuntamento da non perdere con nove gare in programma, tra le quali l’Endurance che scatterà alle ore 15.30 con 50 equipaggi al via.