04.09.20 PRIME QUALIFICHE DEL CIV: SVETTANO CAVALIERI (SBK), BERNARDI (SS600), BASTIANELLI (SS300), PEREZ SELFA (MOTO3), LIGUORI (PREMOTO3)

Imola, 4 settembre 2020 – Ha preso il via all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari il penultimo appuntamento del Campionato Italiano Velocità moto (CIV), con il tradizionale doppio round.

Prima giornata dedicata a prove libere e primo turno di qualifiche, con in pista le classi SBK, SS600, SS300, Moto3 e Premoto3 e quelle di supporto National Trophy 600/1000 e Women’s European Cup.

Nella SBK, tra i due attesi protagonisti, Lorenzo Savadori (Aprilia) e Michele Pirro (Ducati), a metterli d’accordo ci ha pensato Samuele Cavalieri (Ducati) che ha conquistato la pole provvisoria col tempo di 1’48”320. Grande equilibrio tra i tre, con Savadori secondo a 0”128 e Pirro, incappato anche in una caduta, a 0”310. Sesto tempo per il pilota di casa Kevin Calia (Suzuki).

E’ continuato anche nel primo turno di qualifiche il duello nella SS600 tra Luca Bernardi (Yamaha) e Marco Bussolotti (Yamaha). A spuntarla per il momento è stato il leader di campionato, che ha lasciato Bussolotti a due decimi, facendo segnare il giro veloce in 1’52”662. Buone prestazioni per Davide Stirpe (MV Agusta) staccato di 0”515 e Roberto Mercandelli (Honda) a 0”613.

Con un ultimo giro a tutta, Manuel Bastianelli (Kawasaki) ha realizzato il miglior tempo in 2’07”498 nella SS300. Con 0”534 di distacco secondo tempo per Francesco Priolo (Kawasaki), quarto crono per Nicola Settimo (Kawasaki) a 0″809.

Moto3 nel segno di Vicente Perez Selfa (TM). Il pilota spagnolo è stato costantemente il più veloce in pista facendo segnare come miglior tempo sul giro 1’57”862, unico a scendere sotto il muro dell’1’58”. A quattro decimi, secondo crono per Alberto Surra (KTM), seguito da Elia Bartolini (KTM) 1’58”490 e Andrea Giombini (Honda) in 1’58”931. Quinto tempo per il leader di campionato, Kevin Zannoni (Honda), staccato di 1’131”.

Distacchi significativi nella Premoto3 grazie a Edoardo Liguori, che si candida così a logico favorito alla vittoria. Il pilota della RMU ha chiuso col tempo di 2’05”660 e l’unico che è riuscito ad avvicinarlo è stato Edoardo Michele Boggio (CS) staccato di 0”327. Per il resto del gruppo distacchi a partire da otto decimi, con il leader di classifica, Cristian Lolli, solo dodicesimo ad oltre 2”.