05.09.20 LA SBK NEL SEGNO DI SAVADORI E APRILIA. VINCONO OTTAVIANI (SS600), MARTELLA (SS300), PEREZ SELFA (MOTO3), MIHAILA (PREMOTO3)

Imola, 5 settembre 2020 – Seconda giornata de CIV all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari. Nelle gare si impongono Lorenzo Savadori (SBK), Luca Ottaviani (SS600), Mattia Martella (SS300), Vicente Perez Selfa (Mot3), Demis Mihaila (Premoto3).

Imola continua ad essere terra di conquista per Lorenzo Savadori (Aprilia) nella SBK. Dopo la doppietta dello scorso anno, Savadori ha continuato la striscia aggiudicandosi gara 1. Dopo un po’ di bagarre nei primi due giri, l’alfiere dell’Aprilia ha allungato, tenendo sempre sotto controllo un ottimo Lorenzo Zanetti (Ducati), che non è riuscito ad avvicinarsi abbastanza per attaccarlo. Terzo posto per Samuele Cavalieri (Ducati), ottima quarta posizione per il pilota di casa Kevin Calia (Suzuki). Ritirato invece Michele Pirro (Ducati) per un problema tecnico.

Colpo di scena nella SS600. Dopo aver fatto segnare il miglior tempo in qualifica e aver condotto sin dall’inizio la gara, Luca Bernardi è stato costretto al ritiro. Ad approfittarne è stato così Luca Ottaviani (Kawasaki) che, una volta rilevato il comando, ha fatto il vuoto alle sue spalle andando a vincere con oltre 6” di vantaggio su Roberto Mercandelli (Honda). Terzo e quarto posto per Davide Stirpe (MV Agusta) e Stefano Valtulini (Kawasaki), che hanno guadagnato punti preziosi in ottica campionato.

Grande bagarre nella SS300, che ha fatto vittime illustri nella prima parte di gara. La prima il leader di campionato Nicola Settimo (Kawasaki), scivolato mentre era in seconda posizione; la seconda Emanuele Vocino (Kawasaki), che aveva centrato la pole position. A giocarsi la vittoria all’ultimo giro si sono ritrovati in due, con Mattia Martella (Kawasaki) che ha piazzato l’affondo decisivo all’ultima chicane nei confronti di Giacomo Mora (Yamaha). Avvicente anche il duello per l’ultimo gradino del podio, con Giuseppe De Gruttola (KTM) che ha prevalso su Nikolas Marfurt (KTM).

Nella Moto3, confermato in gara quanto visto nelle prove, ovvero Vicente Perez Selfa (TM) imprendibile per tutti. Scattato dalla pole, lo spagnolo ha progressivamente allungato andando a vincere con oltre 3” di vantaggio. Alle sue spalle bella lotta per i restanti gradini del podio, con Alberto Surra (KTM) che ha avuto la meglio nei confronti di Andrea Giombini (Honda). Quarta posizione per il leader di campionato, Kevin Zannoni (Honda).

Convincente vittoria di Demis Mihaila nella Premoto3. Scattato dalla seconda fila, è stato autore di una grande rimonta, impreziosita dal giro veloce della gara, che lo ha portato prima a passare il leader della corsa Edoardo Liguori, poi ad involarsi verso un facile successo vista la caduta dell’avversario a due giri dalla fine. Sul secondo gradino del podio è così salito Cristian Lolli, che ha rafforzato la sua leadership in campionato. Terza posizione per Guido Pini.

Infine il National Trophy. Nella classe 1000 il successo è andato a Lorenzo Lanzi (Ducati) che ha preceduto Luca Maurizio Salvadori (BMW) e Flavio Ferroni (Aprilia). Nella 600 vittoria di Armando Pontone (Yamaha), seconda posizione per Michele Magnoni (Kawasaki), terzo gradino del podio per Roberto Farinelli (Kawasaki).