25.07.20 AUDI CENTRA LA POLE NELLA GT WORLD ENDURANCE CUP, FERRARI IN PRIMA FILA. VINCONO PIANA – SCHOUTEN (GT4) E VIDALES (FORMULA RENAULT)

Imola, 25 luglio 2020 – E’ entrata nel vivo la GT World Challenge Europe, organizzata da SRO, con prove libere e qualifiche della serie principale e la prima gara per GT4 European Series e Formula Renault Cup. Domenica appuntamento con la Endurance Cup, gara di 3 ore con partenza alle ore 13.30.

Tre le sessioni di qualifica per la GT World Challenge Europe Endurance Cup, con in pista tutti i piloti dei team in una classifica combinata dei tempi per la conquista della pole position. A centrarla è stata l’equipaggio dell’Audi composto da Mattia Drudi – Kim Luis Schramm – Frederic Vervisch, che hanno segnato come miglior tempo 1’41”799. Ottima seconda prestazione cronometrica per la Ferrari del team AF Corse, con al volante Alessandro Pier Guidi – Nicklas Nielsen – James Calado, staccati di 0”144, In seconda fila Raffaele Marciello – Timur Boguslavskiy – Felipe Fraga con la Mercedes (1’41”967) e Matt Campbell – Patrick Pilet – Mathieu Jaminet con la Porsche (1’41”970).

Gara combattuta e con tanti colpi di scena quella della GT4 European Series. La svolta si è avuta dopo il cambio pilota, con Gabriele Piana (BMW) che ha preso il comando delle operazioni, dilatando il vantaggio progressivamente, tanto da transitare sotto la bandiera a scacchi con oltre 23” di vantaggio sul più immediato inseguitore. Dietro si è scatenata la bagarre per le restanti posizioni del podio, che ha visto protagonisti Valentin Hasse Clot (Aston Martin), Yagiz Gedik (BMW) e Gael Castelli (Toyota). Quest’ultimo si stave avviando a concludere in seconda posizione quando è stato costretto al ritiro prima dell’inizio dell’ultimo giro, dovendo così lasciare via libera ai due avversari.

Neanche l’entrata di due Safety Car ha fermato la cavalcata vincente di David Vidales nella gara 1 della Formula Renault Eurocup. Dimostrandosi indiscutibilmente il più forte, il pilota del Team JD Motorsport, scattato dalla pole position, ha costruito giro dopo giro un margine di sicurezza che gli ha permesso di tenere sempre sotto controllo gli avversari. C’è stata sicuramente più battaglia per i restanti gradini del podio, che ha visto Caio Collet, secondo tempo in qualifica, prevalere su un ottimo William Atalo. Quest’ultimo ha messo pressione al rivale ma in realtà non ha avuto una vera occasione di passarlo. Buone le prestazioni di Victor Martins e Alex Quinn, che sono passati sotto la bandiera a scacchi rispettivamente in quarta e quinta posizione.