30.09.17 Gerstl porta al successo la Toro Rosso STR nella Boss GP. Vittorie di Sandrucci (Clio Cup) e di Bellarosa-Belotti (3H Endurance)

Imola, 30 settembre 2017 – Il Gruppo Peroni Race Weekend, uno degli appuntamenti tradizionali dell’attività a quattro ruote all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, è entrato nel vivo nella giornata di sabato con le sessioni di qualifiche e le prime gare. In pista nove categorie: Coppa Italia Turismo, Coppa Italia GT, Master Tricolore Prototipi, 3H Endurance Champions Cup, Campionato Italiano Autostoriche, Clio Cup Italia, Lotus Cup Italia, Alfa Revival Cup e Boss GP.

La gara della Clio Cup è vissuta tutto sul duello tra Nicola Rinaldi, scattato dalla pole, e Gustavo Sandrucci, autore del secondo tempo in qualifica. Un duello spettacolare, durata sin dal primo giro con continui sorpassi e controsorpassi. La decisione all’ultimo giro alla seconda curva della Rivazza dove, nel tentativo di un disperato attacco, Rinaldi è andato largo. Errore che ha dato via libera a Sandrucci ma che è costato anche il secondo posto a Rinaldi, battuto in volata da Felice Jelmini, autore di una grandissima rimonta.

Vittoria agevole nella Boss GP per Ingo Gerstl, al volante della Toro Rosso STR. Il pilota austriaco, preso il comando sin dal via, ha allungato progressivamente, chiudendo sotto la bandiera a scacchi con un vantaggio di oltre 17” nei confronti  della Dallara GP2 Evo guidata dall’olandese Rinus van Kalmthout. Agevole terzo gradino del podio per l’indiano Mahaveer Raghunathan (Lola Auto GP), che ha preceduto Salvatore De Plano (Dallara GP2).

Successo di Ivan Bellarosa e Guglielmo Belotti (Wolf GB08) nella 3H Endurance. Autori della pole position e grandi favoriti della gara, non hanno disatteso il pronostico confermando la loro superiorità. Al traguardo hanno chiuso con un giro di vantaggio nei confronti di Francesco Dracone e Jacopo Baratto (Ligier JSP3) e Manuel e Adrian Zumstein (Mercedes AMG GT).

Nelle qualifiche della Coppa Italia Turismo dettano legge le Seat Leon Cup. A far registrare il miglior tempo assoluto è stato Imerio Brigliadori, che ha fermato i cronometri sull’1’55”776, più veloce di 0”151 del compagno di marca Matteo Bergonzini, unici due piloti sotto il muro dell’1’56”. In seconda fila scatteranno Federico Borret (BMW M3) e Renato Gaiofatto (Honda Civic), divisi tra loro da appena 10 millesimi.

Categoria con meno partecipanti al via (otto Porsche 997 e una Ferrari 458), la Coppa Italia GT ha visto svettare Luciano Tarabini, che ha conquistato la pole position con il tempo di 1’44”677, resistendo agli assalti di Wolfgang Triller, che ha girato a soli 0”173. Alle loro spalle partiranno dalla seconda fila Hermann Speck e Oliver Michael. Sesta prestazione cronometrica per Giuseppe Ramelli con la Ferrari 458.

Master Tricolore Prototipi nel segno di Jaques Breitenmoser (PRC Ford) che scatterà domani dalla prima casella grazie al tempo di 1’42”113. Al suo fianco la PRC Audi Turbo di Simon Stoller, staccata di oltre sei decimi. Ad occupare la seconda fila Andreas Fiedler (PRC Audi Turbo) e Claudio Francisci (Lucchini BMW), pronti ad inserirsi nel duello per la vittoria.

Doppia qualifica nella Lotus Cup Italia, con Stefano Pasotti che ha dominato entrambe le sessioni. Nella prima ha lasciato a 1” Giacomo Giubergia, con Filippo Manassero e Mario Minella in seconda fila; nella seconda ha rifilato quasi 1”3 a Manassero, dietro di loro nell’ordine della graduatoria tempi Minella e Giubergia.

Qualifica  combattuta  nell’Alfa Revival Cup. A centrare la pole position è stato Franco Monguzzi, che è riuscito a prevalere per soli 0”079 nei confronti Roberto Arnaldi, facendo segnare il tempo di 2’08”481. Terza prestazione cronometrica per Alberto Santoro, al suo fianco in seconda fila l’austriaco Gerald Grohmann.

Infine nel Campionato Italiano Autostoriche il miglior tempo l’hanno fatto segnare Massimo e Marco Guerra (Porsche 935) in 1’51”910. Nettamente staccati, ad oltre 3” Massimo Ronconi e Giovanni Gulinelli (Porsche 930), terzo crono per Giorgio e Danny Zorzi (Porsche 911), ad oltre 6”.