17.05.23 UPDATE ON THE MADE IN ITALY AND EMILIA-ROMAGNA GRAND PRIX

blank

Imola, 17 maggio 2023 – L’emergenza e quanto provocato dal maltempo che, ancora una volta, si è abbattuto sulla Regione Emilia-Romagna, impongono agli organizzatori del “Qatar Airways Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia Romagna”, in programma dal 19 al 21 maggio, di cancellare l’evento, per cause di forza maggiore.

Una decisione che è stata assunta di comune accordo con le Autorità e la Formula 1.

L’Automobile Club d’Italia – Federazione Sportiva organizzatrice dell’evento – esprime la massima vicinanza nei confronti di coloro che, in queste drammatiche ore, piangono la scomparsa dei propri cari o sono costretti a lasciare la propria abitazione.

Altresì esprime sostegno e ringraziamento alle Istituzioni dello Stato, della Regione Emilia Romagna, alle forze dell’ordine e alla protezione civile che, in queste difficili giornate, si stanno prodigando per aiutare la popolazione e mettere in sicurezza il territorio. Un ringraziamento, infine, agli oltre 3mila addetti ai lavori che erano arrivati a Imola per organizzare e rendere possibile la disputa del Gran Premio.

Formula Imola, a tutela della sicurezza degli addetti ai lavori e nel rispetto dell’emergenza dovuta all’alluvione che ha colpito la Regione, conferma la piena condivisone della decisione presa. Sin dalla giornata di ieri, Formula Imola si è impegnata con tutti i mezzi e gli uomini a disposizione per attuare le necessarie misure di prevenzione e sicurezza, riuscendo ad approntare l’evacuazione del Paddock con la celerità richiesta.

Di fronte a questa situazione, qualsiasi evento sportivo, per quanto di importanza internazionale, passa in secondo piano, restando il rammarico per tutti coloro che hanno lavorato con tanta passione e professionalità per l’organizzazione dell’evento e per tutte quelle decine di migliaia di spettatori che per cause imponderabili sono state private di uno spettacolo unico al mondo.

Formula Imola è vicina alle tante famiglie del territorio così duramente colpite.